Foglie di faggio cadute ancora verdi. Ogni tanto succede. E’ successo la settimana scorsa. Ha tirato vento forte; chi era sui crinali aperti l’ha sentito, non era facile camminare. Vento teso, da nord est; di quelli che puliscono l’aria e regalano giorni non tanto frequenti in agosto.

Però è anche un po’ che non piove. Le piante sono provate, soprattutto dove il suolo è sottile e l’acqua non la trovano più. Avete provato a prendere in mano le foglie di faggio ? Sono sottili, disidratate. Si staccano più facilmente di quando stanno bene. E allora un po’ di vento e cadono: soprattutto quelle degli alberi più esposti e più stressati, che sono quasi defogliati.

E più sulle Apuane che in Appennino. Perchè lì il terreno spesso trattiene meno acqua. Ma anche perchè il vento è ricaduto ancora più secco, dopo avere scavalcato l’Appennino.