Appennino ligure            


appennino ligure - mappa(Visualizza la mappa in scheda separata)

 1. Introduzione

2. Luoghi

3. Articoli

 

1. Appennino ligure: introduzione

Cominciamo il nostro viaggio da ovest, dall’Appennino Ligure, ma non tutto. L’estremo ovest, quello che inizia al Colle di Cadibona fino più o meno a Genova, al passo della Scoffera, se ci riferiamo al crinale spartiacque, per ora non c’è. Si inizia dalla mia colonna d’Ercole, il monte Antola.

Appennino Ligure… anche se alcuni monti sono in Liguria, molti sono di confine, altri non sono proprio in Liguria.  Essere terra di confine sarà caratteristica anche di altre zone. Una volta i confini c’erano davvero, adesso non più.  Questo Appennino si chiama Ligure perchè ci piacciono (e a volte servono) le classificazioni e, dal punto di vista geografico, è stato classificato così, non senza ragione. Dal passo della Scoffera e dall’Antola si arriva al passo della Cisa, che è tra Emilia e Toscana; ma è la parte più ligure della Toscana, dove cibi e parlate ancora vi ricordano la Liguria. Quando, piano piano,  vi abituerete alle sfumature, ve ne accorgerete bene.

E’ una zona varia,  di monti boscosi, ma che hanno quasi sempre grandi sorprese e vedute. Cominciando ad andare da uno all’altro, poi si riconoscono tutti.  E poi, più che in tutte le altre zone, ci sono i monti di ofiolite, quelle rocce vulcaniche spoglie e tormentate che rendono la vita difficile alla vegetazione ed aprono quindi i panorami. Poi c’è la possibilità, unica, di inziare a camminare dal mare, sui rilievi delle catene costiere !

2. Appennino ligure: luoghi

monte alfeo,monte legnà; monti maggiorasca e ragola

la sagoma caratteristica di monte alfeo, vista da monte legnà; sullo sfondo, i monti maggiorasca e ragola

I monti delle “quattro province”

Le montagne di confine tra quattro regioni: Liguria, Piemonte, Lombardia, Emilia. Grandi valli boscose, villaggi solitari e crinali aperti verso il mare e la pianura Padana. Antola, Ebro, Chiappo, Lesima, Carmo, Alfeo. La mitica val Boreca, le valli Borbera e Brevenna.

 

 

 

vista sulla ciapa liscia, maggiorasca, monte nero, ragola dai pianori sommitali dell'aiona

vista sulla ciapa liscia, maggiorasca, monte nero, ragola dai pianori sommitali dell’aiona

I monti di val d’Aveto e le appendici Emiliane

Grandi montagne di rocce vulcaniche e altro. Dove l’Appennino si alza; le prime valli e laghetti glaciali, i primi mirtilli e vegetazione alpina. La catena dall’Oramara al Gifarco, il Maggiorasca, Ciapaliscia, monte Nero e Ragola; il Penna e l’Aiona.

 

 

 

 

 

alta val cicana, costa di sestri levante, monte ramaceto - più di mille

alta val cicana e la costa di sestri levante dal crinale ovest del ramaceto

Il crinale dal Caucaso alla val di Vara

Si sente già il mare, e si vede. Monti veri, a dispetto della loro altezza, soprattutto se li salite dal versante marino. I versanti interni boscosi e i versanti marini nudi e scoscesi del Caucaso e soprattutto del Ramaceto e Zatta. La vista mare del monte Porcile.

 

 

 

 

monte gottero - più di mille

i prati da fieno e le foreste della zona del monte gottero

Verso l’Emilia: dal passo del Bocco alla Cisa

Appennino forestale con viste inattese. A cavallo tra la Liguria attuale e quella storica dei Liguri-Apuani. Transizioni di accenti e cibi. I boschi e i pascoli dallo Zuccone al Gottero, al Molinatico, lungo le testate delle valli Vara e Magra, avvicinandosi all’Alto Appennino tosco-emiliano.

 

 

 

corbezzoli punta manara monte portofino alpi marittime punta baffe - più di 1000

punta manara, monte di portofino e alpi marittime, da punta baffe

I monti della costa Ligure di levante

Cinque Terre e Portofino, ma non solo. Le straordinarie possibilità per escursioni tutto l’anno, dalla periferia di Genova alla foce del Magra. I veri “monti sul mare”, ma non aspettatevi passeggiate sulla spiaggia, anche se le vostre escursioni potranno a volte finire con un bagno.